La ricetta di Parolin. “Riparare, ricucire, con la fraternità superare la contrapposizione”. Poi incontra Vasapollo

Nazareno Galiè. Il Faro di Roma

“Il Papa ci invita a scoprire l’altro come fratello”, ha spiegato il segretario di Stato Pietro Parolin, alla presentazione del libro “La tunica e la tonaca” di padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi. È questo, ha detto, il messaggio che il Papa ci manda attraverso l’Enciclica “Fratelli tutti, che Francesco firmerà il prossimo 3 ottobre davanti nella Basilica Maggiore, davanti alla tomba di San Francesco.

“Alla vigilia della firma della terza enciclica di Papa Francesco, ci rendiamo conto che per riparare, ricucire, abbiamo bisogno della fraternità e superare la contrapposizione amico nemico, bianco nero. Il nostro tempo liquido e triste, colpito dalla pandemia può sembrare un tempo per realisti, per costruttori di muri, eppure è proprio in questo nostro tempo che Francesco ha scelto il vocativo ‘Fratelli tutti’, ha aggiunto, inoltre, il principale collaboratore di Papa Francesco.

“E del resto anche il mondo di San Francesco non era pacifico, era un groviglio di conflitti pieno di mura e di torrette difensive. Proprio in questo contesto emerse l’audacia di uno sparuto gruppo che volle predicare la pace”, ha concluso Parolin.

Alla presentazione del libro, che si è svolto nel bel cortile del Protettorato San Giuseppe a Roma – un importante ente benefico attivo nel campo della formazione, del dialogo e della solidarietà – era presente un amico del FarodiRoma, Luciano Vasapollo, docente di Politiche Economiche alla Sapienza nonché delegato del rettore per i rapporti con l’America Latina e il Caribe.

Tra l’altro, Vasapollo – che, a termine dell’iniziativa, ha avuto un cordiale dialogo con il segretario di Stato di Papa Francesco – ha donato al cardinale Parolin una copia della sua ultima fatica, “Volta la carta… nel nuovo sistema economico e monetario: dal mondo pluripolare alle transizioni al socialismo”.

06 ottobre 2020
Condividi: